Posted by & filed under p2p, Servizi Web, Software.

DMCA.com

Bittorrent Logo

Il 30% della banda internet mondiale viene consumata tramite protocollo BitTorrent.Questo ci fa capire di come ormai sia popolare ed utile questo sistema P2P.

In questo guida non voglio spiegarvi dettagliatamente come funziona questo tipo di P2P, ma un piccolo riassunto è necessario. Per conoscere a fondo come funziona il protocollo BitTorrent vi rimando a questa pagina.

Sostanzialmente BT (BitTorrent) consente lo scambi di file tra più utenti. E gli utenti stessi fanno sia da client sia da server. Questo significa che mentre noi scarichiamo un torrent automaticamente lo stiamo uploadando verso un altro utente.

Quando noi creiamo un torrent dobbiamo mettere il torrent in seed. Cioè dobbiamo lasciare aperto il nostro client BT, passare il file .torrent creato a qualcuno, e aspettare che il trasferimento avvenga. Saremo noi stessi a uploadare il file verso un secondo client.

Specificando un webseed in fase di creazione del torrent renderemo quest’ultimo autonomo. Significa che non saremo solo noi a seedare il torrent ma ci sarà anche il webseed a seedare.

In poche parole una volta creato un torrent ed aver specificato un webseed non abbiamo più bisogno di lasciare il nostro client BT aperto per far trasferire il file. Sarà il webseed a occuparsene.

Ovviamente webseed e seed normali possono convivere, quindi se lasciate anche il vostro client aperto il trasferimento sarà più veloce in quanto ci saranno due seed: il vostro client e il webseed.

Ma che cos’è un webseed?

Non è altro che il link diretto al nostro file torrent hostato su qualche sito. Ad esempio potete creare un account su dropbox e caricare i files del vostro torrent nella cartella public. Una volta fatto ciò basta copiare il link a quel file.

Come faccio a creare ed usare un webseed?

  1. Come detto prima basta crearsi un account su dropbox, ma va bene anche un normale server ftp. In generale basta avere un link che incollato in un web browser faccia partire automaticamente il download del file.

  2. Procurarsi il link al webseed
  3. Procurarsi un client torrent che supporta i webseed come ad esempio utorrent
  4. Creare un nuovo torrent ed oltre a specificare i normali parametri (trackers ecc.) incollare il link del webseed nel campo webseed come mostrato sotto:

Utorrent Webseed Window

Ovviamente quanto si specifica il sorgente del file da cui creare il torrent bisogna assicurarsi che sia IDENTICO a quello linkato nel campo webseed!

Come fare se il file sorgente contiene più file dentro esso?

Nel caso in cui dovete creare un torrent a partire da una cartella la cosa più semplice da fare è creare un archivio (zip,rar, quello che volete) e creare il torrent dall’archivio stesso ;)

Conclusioni

I vantaggi di usare un webseed sono tantissimi:

  • Il torrent rimane in seed per sempre
  • Non è più necessario lasciare il computer acceso 24/7
  • Non viene consumata la propria banda adsl
  • Si favorisce la diffusione del torrent