Posted by & filed under iPad, iPad 2, iphone, iPod Touch, Jailbreak, Jailbreak, Jailbreak, Jailbreak.

Schermata 2013-02-0\. alle 14.55.28

E’ da molto che i possessori di iDevices attendono novità per quanto riguarda il jailbrak di iOS 6.x.

Finalmente ieri ci sono arrivate delle informazioni ufficiali.

Il Jailbreak 6.x sta per arrivare!

A scanso di equivoci dico subito che ancora non si ha una data precisa per il rilascio. La cosa certa è che lo stato attuale (al momento della scrittura di questo articolo) è quello rappresentato nella barra di caricamento raffigurato nella immagine che è in cima a questo post. Azzerderei un 75%!

Il jailbreak, appena pronto, sarà disponibile sul sito http://evasi0n.com/. Il nome del tool che ci permetterà di eseguire il jailbreak è proprio evasi0n.

Inizialmente sembrava che questo sito fosse il classico sito farlocco atto a fregare gli utonti più tonti. Infatti negli anni i siti fake sono stati innumerevoli, e spessissimo, se non sempre, infettavano i computer degli utonti che cascavano nel tranello.

Ieri sera però è arrivata la conferma da parte di pod2g che il sito in questione è ufficiale, e che non è un fake.

Lo stesso pod2g è stato subito assalito da migliaia di domande tutte uguali:

Quando viene rilasciato il jailbreak?

Ancora non si sa. Forse domenica, forse prima, forse dopo. Troverete tutte le informazioni sul sito ufficiale .

Alcune raccomandazioni

Come sempre quando si avvicina il rilascio di un nuovo jailbreak è probabile che qualche furbacchione cerchi di cogliere la balla al balzo creando maleware e virus che sfruttano il nome del nuovo tool.

E’ importante quindi scaricare la nuova applicazione solo dai canali ufficiali (http://evasi0n.com/) ed evitare qualsiasi altro download.

Prima di correre a fare il jailbreak il mio classico consiglio è di attendere almeno 24h. Cosi facendo gli sviluppatori del tool in questione (evasi0n) avranno il tempo per risolvere i primi bugs. Attendere 24h è anche utile per evitare le prime ore che saranno per forza di cose molto congestionate.

Infine vi ricordo di visitare spesso questo blog cosi da sapere sempre in maniera puntale le ultime novità sul jailbreak ;)

Posted by & filed under javascript, Web Development.

Angularjs è un moderno framework javascript mvc sviluppato da google.

So bene che al giorno d’oggi ci sono un’infinità di framework javascript che fanno tutti più o meno le stesse cose. Spesso è difficile orientarsi in questa giungla di framework e scegliere cosa è buono e cosa non lo è.

Perchè angularjs è differente?

Anzi tutto c’è da tenere in considerazione che è un prodotto sviluppato da google. Questo significa che la qualità e l’ottimizzazione sono ai massimi livelli. Inoltre se un colosso come google utilizza questo framework per i suoi innumerevoli servizi ci sarà un motivo, no?

Possiamo quindi stare sicuri che il prodotto non verrà abbandonato dopo poco tempo.

Possiamo anche stare sicuri di trovare una grande comunità che indirettamente ci porta ad avere una grande documentazione e una grande attenzione per il supporto ( forum, mailing list ecc. ) .

Ok, mi hai convinto ma… come funziona?

Sul sito ufficiale è presenta un’ottima documentazione ed un tutorial molto esaustivo.

Su youtube, sul canale relativo ad angularjs, ci sono molti talk ed esempi pratici. Sono presenti anche molti screencasts che mostrano come creare un’applicazione da zero.

Io stesso, seguendo un video trovato sul canale youtube di angularjs ho creato una semplice applicazione che serve per fare delle ricerche su twitter.

Potete trovare un demo dell’applicazione su questa pagina web. Mentre il sorgente dell’applicazione può essere liberamente scaricato da questa pagina su github.

Posted by & filed under Wordpress.

Non so voi, ma io quando devo scrivere un articolo, o qualsiasi altra cosa, adoro farlo in markdown

Se per caso ancora non sapete cos’è il markdown, sappiate che è un linguaggio di markup che si compila in html.

Per farla più semplice diciamo che è uno strumento per scrivere più facilmente testi in html ben formattati.

Moltissimi siti stanno abbandonando i tremendi editor WYSIWYG in favore di markdown.

Tra i siti che sono già passati al markdown, giusto per citarne 2 importanti, ci sono:

Un’ottimo editor free ed opensource scritto in javascript è sicuramente EpicEditor. Potete utilizzarlo per implementare markdown in qualsiasi vostro progetto. L’api è molto semplice e la documentazione buona.

Se invece volete implementare la scrittura degli articoli in markdown su wordpress c’è un ottimo plugin basato proprio su EpicEditor!

Il plugin in questione si chiama epic-editor-for-wordpress ed è scaricabile gratuitamente da questo indirizzo. Per l’installazione, come sempre, basta posizionare la cartella nella directory relativa ai plugin di wordpress.

Ora cosa state aspettando? Andate subito a scrivere il vostro primo articoli in wordpress!

Posted by & filed under Linux, Ubuntu.

Ogni giorni mi collego tantissime volte via ssh verso i miei server. Inserire ogni volta la password può diventare ridondante e noioso.

C’è un modo per evitare di inserire ogni volta la password pur senza rinunciare alla sicurezza?

Si c’è, e si chiama ssh-copy-id.

E’ necessario anzi tutto installare ssh-copy-id. Potete utilizare per farlo il vostro gestore di pacchetti preferito, oppure farlo manualmente.

Se siete su ubuntu o una distribuzione debian-based che utilizza apt date nel terminale:

sudo apt-get install ssh-copy-id

Se siete su mac potete utilizzare l’ottimo homebrew con il comando:

brew install ssh-copy-id

Ora ci basterà collegarci al nostro server con il comando:

ssh-copy-id  [email protected]

E farà tutto ssh-copy-id ;) La prossima volta che vi collegherete non dovrete più inserire la password!

Posted by & filed under Linux, Ubuntu.

Veloce promemoria su come impostare data e ora su un server Ubuntu (ma anche su ubuntu desktop).

Per controllare ora e data corrente basta dare nel terminale

date

Per controllare il timezone impostato

more /etc/timezone

Infine per cambiare ora e data

sudo dpkg-reconfigure tzdata

E seguite le istruzioni su schermo ;)

Posted by & filed under Apple, Mac, Mountain Lion, OSX, OSX, Tutorial, Web Development.

Apache ml

Nelle versioni precedenti a Mountain Lion (ML) avviare e stoppare apache era molto facile tramite le preferenze di sistema.

Nel nuovo ML però non è più possibile avviare, riavviare e stoppare apache come si faceva precedentemente. Per farlo è necessario utilizzare il terminale.

Non c’è nulla di cui preoccuparsi, non bisogna essere degli hacker esperti per avviare apache dal terminale :-) .

Continua la lettura »

Posted by & filed under Software.

Tm 2 Logo

Dopo anni ed anni di attesa finalmente è stato rilasciato TextMate 2!

Ogni Mac developer che si rispetti ha almeno una volta utilizzato questo potentissimo editor di testi. Non per nulla nel corso degli anni è diventato un punto di riferimento per tutti i mac user (e non solo).

Nonostante molti sviluppatori, me compreso, durante la snervante attesa siano passati ad editor alternativi (sublime text 2) TextMate 2 rimane un’ottima alternativa.

La cosa che ora lo rende veramente interessante è il fatto che sia stato rilasciato il suo codice sorgente, ed è quindi ora gratuito!

Potete consultare il sorgente di tm2 direttamente su github.

Potete scaricare il sorgente e compilarvelo da soli oppure scaricare direttamente il binario dalla seguente pagina: download.

Posted by & filed under Ubuntu, Web Development.

Apache

Non so voi, ma io avendo cambiato più di una volta i permalinks relativi al mio blog ho avuto diversi problemi.

oggi vi spiegherò come risolvere i problemi relativi ad essi.

I permalinks si cambiano andando nel pannello di amministrazione di wordpress ed in particolare nella sezione impostazioni>permalinks.

Se quando provate a modificarne la struttura vi esce un messaggio di errore in fondo alla pagina significa probabilmente che la cartella dove è installato wordpress non ha i permessi necessari per creare il file .htaccess necessario per il rewriting dei permalinks.

Per risolvere il problema date a tutta la cartella che contiene wordpress i permessi 777.

Se anche cosi facendo non risolvete il problema significa che il modulo rewrite sul vostro server non è abilitato.

Abilitare il modulo rewrite

Ammesso che voi abbiate un server apache 2, aprite il file /etc/apache2/sites-aviable/default .

All’interno di esso troverete diverse sezioni di codice come questa:

AllowOverride None

Sostituite tutte queste sezioni di codice con:

AllowOverride All

E salvate il file.

Date ora il comando:

sudo a2enmod rewrite

Ed infine per riavviare il server:

/etc/init.d/apache2 restart

A questo punto se avete fatto tutto correttamente non vi resta che impostare i nuovi permalinks e godervi il vostro blog :)